Problemi da affrontare

La soluzione alle problematiche individuate consiste nell'applicazione di tecnologie innovative che mirano alla riduzione drastica dei tempi di processo per l'estrazione dell'olio d'oliva, con l'obiettivo di incrementare le rese di estrazione, la qualità degli olii ottenuti e la sostenibilità della produzione, a fronte di una riduzione dei tempi di lavorazione, dell'acqua di processo utilizzata e dell'energia elettrica necessaria. Quindi, si propone l'utilizzo di tecnologie a microonde e ultrasuoni nel processo di estrazione olearia, per affiancare o sostituire l'operazione di gramolazione che, seppur fondamentale, comporta una serie di problemi tecnologici.

Le microonde sono ampiamente utilizzate nell'industria alimentare per compiere il riscaldamento rapido delle matrici alimentari. Ma, oltre all'effetto di riscaldamento, le microonde agiscono anche sulla struttura delle matrici vegetali. Nel caso della pasta di olive, contribuiscono a rompere i vacuoli facilitando la coalescenza dell'olio. Inoltre, l'azione delle microonde combinata con l'azione degli ultrasuoni incrementerà la componente salutistica ed antiossidante ritenuta funzionale all'organismo umano dall'intera comunità scientifica.

L'utilizzo delle tecnologie sopraindicate renderanno continuo il ciclo di estrazione olearia e migliorando il controllo di processo e l'interazione diretta con la materia incrementeranno i claims salutistici, riportabili in etichetta come elemento distintivo.

Tali strategie incrementeranno la competitività delle aziende agricole e la sostenibilità ambientale, a seguito del minor tempo, energia e acqua necessaria a processare l'unità in massa di prodotto, rispetto alla tecnologia convenzionale.

Il progetto mira a contribuire al raggiungimento complessivo degli obiettivi del PEI/PSR e a raggiungere i risultati specifici di seguito elencati

Promuove un sistema produttivo che è orientato all'aumento dell'efficienza dell'utilizzo delle risorse e alla redditività e competitività delle aziende attraverso l'incremento della produttività delle industrie di trasformazione delle olive in olio.

Contribuisce alla disponibilità di alimenti salutari e di qualità ottenuti in modo sostenibile. Il progetto fornisce alle aziende olivicole un incremento della redditività delle imprese olivicole e olearia attraverso:

• Incremento della qualità dell'olio extravergine di oliva;

• Introduzione di tecnologie innovative nella fase di trasformazione delle olive e conseguente ammodernamento della filiera;

• Incremento della competitività sui mercati

Tali benefici incoraggeranno le imprese olivicole ad incrementare le superfici agricole destinate alla coltivazione olivicola contribuendo ad una maggiore disponibilità di prodotti alimentari

Migliora i metodi di tutela dell'ambiente e, in particolare comporta una riduzione dell'impatto ambientale attraverso la riduzione dei fabbisogni energetici e la riduzione dei fabbisogni idrici dell'impianto di estrazione

E' un progetto sviluppato in sinergia tra mondo della Ricerca, Enti di Governance e mondo produttivo e amalgama gli obbiettivi di ciascuno dei soggetti interessati attraverso la predisposizione di protocollo tecnologico adeguato al contesto produttivo pugliese